leonardo.it

Global City Report 2011, rapporto internazionale sul futuro delle città

 
Blogger
13 novembre 2011
1 commento

Milano. Si è svolta ieri mattina all’Hotel Principe di Savoia la quarta edizione del Global City Report 2011.
Il rapporto internazionale sul futuro delle città (sono state confrontate venti realtà europee è un evento organizzato da Scenari Immobiliari, con la collaborazione di Generali Immobiliare Italia. Ecco di seguito alcuni spunti di riflessione emersi durante la presentazione.

Ecco una sintesi del rapporto:
Il “pianeta casa” è influenzato da alcuni fattori, fra i quali, l’urbanizzazione, il fenomeno demografico, il progresso tecnologico, l’aumento del tempo libero e la sostenibilità.
La domanda di casa è influenzata da alcune tendenze abitative: l’estetica, la domotica, la sostenibilità, l’economicità e la diffusione delle case prefabbricate.
Anche gli interni della casa si evolvono: la casa viene sempre più utilizzata anche come ufficio, si evidenzia l’importanza della luce, assumono un ruolo importante gli spazi esterni privati, oltre alla personalizzazione degli spazi.
La casa è sempre vista come un investimento (in particolare in Italia).
Dal 2001 Atene è la città che ha registrato la percentuale più alta di nuove costruzioni (+12,7%), Londra è quella con un incremento minore (+3,8%), il capoluogo lombardo si piazza al 14° posto (+6,3%).
Milano è la città, fra quelle monitorate, con la superficie media più elevata in termini di metri quadrati (80,6), ultima Parigi con 59,6 metri quadri.
Milano è 14^ come percentuale di alloggi in social housing (7,2, Roma addirittura 17^ con il 4,3%), la casa sociale rappresenta, dunque, oggi uno dei migliori business da gestire nei prossimi anni per le pubbliche amministrazioni (la percentuale di Amsterdam è del 49,9%, Londra è seconda con il 26%, dunque, ampi margini di miglioramento per le due realtà nostrane).
Nel periodo 2001-2011 le case e gli immobili residenziali di alto livello sono cresciuti a Milano del 60,5%, Bruxelles sfiora il 90% prima in classifica), chiudono Lisbona, Zurigo, Copenhagen e Francoforte con crescite comprese fra il 20 e il 15%.
Madrid è la città che registra la percentuale più elevata di numero di proprietari per casa (82%), a Milano il 62% vive in casa di proprietà.
Lo stock del patrimonio immobiliare di Milano, espresso in metri quadrati, è pari a 54,4 milioni, il numero di alloggi presenti nel capoluogo lombardo è pari a 675.072.
Kevin John Carones

Articoli Correlati
Evento. Global City Report 2009

Evento. Global City Report 2009

Si è svolto a Milano il 21 ottobre u.s. il Global City Report 2009, rapporto internazionale sul futuro delle grandi città, alla seconda edizione, promosso da Scenari Immobiliari e da […]

Report turistico Fiaip 2011: in calo prezzi -0,7% e compravendite -1,5%

Report turistico Fiaip 2011: in calo prezzi -0,7% e compravendite -1,5%

”Lo scenario che si è presentato in questi primi mesi del 2011 del mercato immobiliare residenziale della seconda casa in Italia, è decisamente anomalo: una parte considerevole del mercato – […]

Il mercato immobiliare dal II Rapporto Nomisma 2011

Il mercato immobiliare dal II Rapporto Nomisma 2011

Fino ad oggi l’Italia è risultata attardata sul sentiero della ripresa e non pare scongiurata la possibilità di ulteriori rallentamenti. ”Ogni crisi ha la sua dose di ottimisti che a […]

Il mercato degli investimenti dal II Rapporto immobiliare Nomisma 2011

Il mercato degli investimenti dal II Rapporto immobiliare Nomisma 2011

Se sul fronte del mercato degli investimenti la percezione di rischiosità del contesto non giustifica professioni di ottimismo, anche su quello al dettaglio la situazione continua a permanere preoccupante. A […]

1° Italian Smart City Forum: verso nuovi modelli di città ecosostenibile

1° Italian Smart City Forum: verso nuovi modelli di città ecosostenibile

1° Italian Smart City Forum: verso nuovi modelli di città ecosostenibile Ripensare la città in chiave ecosostenibile e spazi urbani che concorrano ad una miglior qualità della vita L’utilizzo di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Pierpaola

    Concordo con ciò che dice la’rticolo: la casa è un’investimento e secondo me lo è ancora di più se si parla di una casa con impianti domotici. Io dovevo scegliere tra una casa “normale” e una “intelligente”. Ho scelto la seconda e ringrazio dio tutti i giorni di questa scelta. L’azienda che si è occupata di tutto ciò è vividomotica, di cui parlerò sempre molto bene perché lavorano molto bene!

    24 nov 2011, 6:14 pm Rispondi|Quota