Nel 2017 mercato immobiliare italiano in crescita

di AnnaMaria Commenta

Il mercato immobiliare italiano nel 2017 avrà una piccola ripresa. Secondo le stime di Scenari Immobiliari il settore immobiliare in Italia dovrebbe crescere del 4% contro l’8,4 in Europa. Anche le compravendite immobiliari dovrebbero aumentare un po’ e raggiungere almeno le 550mila unità.

La ricerca di Scenari Immobiliari ha mostrato che durante il 2016 il fatturato immobiliare italiano è cresciuto del 2,7% contro il 4,6% degli altri Paesi europei. Sulla base delle stime di Scenari Immobiliari, In Italia la crescita si attesterà sul 4%, mentre l’Europa si terrà sui livelli degli Stati Uniti, con un 8,4% stimato. Non si tratta di un grande exploit ma di un piccolo segnale positivo che purtroppo tale resterà perchè livelli elevati di disoccupazione e tassazione elevata non invogliano i compratori, come afferma il presidente di Scenari Immobiliari:

Ormai la crisi è superata, ma siamo in una fase di ‘ripresina’ del mercato nazionale. Disoccupazione che non cala e tassazione elevata rappresentano ostacoli a una vera ripresa. Nonostante una domanda potenziale stimata in 850mila case.

Paola Gianasso, vice presidente di Scenari Immobiliari, ha aggiunto:

Anche se lo scenario internazionale è dominato da Brexit e dalle incertezze sulle elezioni in vari Paesi europei, l’attenzione dei grandi investitori è orientata al settore immobiliare e l’Europa è una destinazione primaria. L’Italia resta interessante perché ha quotazioni ancora ritenute basse e rendimenti interessanti, ma la domanda è focalizzata su Milano e Roma ed è frenata da carenza di prodotto idoneo in diversi segmenti di mercato.

Dall’indagine è anche emerso che rispetto che tutti i mercati europei si sono contratti in media del 13% rispetto a 10 anni fa. Solo le città del nord Europa vanno benissimo, e in queste è infatti in atto un vero boom immobiliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>