Catasto – La riforma catastale una “rivoluzione” per un fisco più equo

di Redazione Commenta

Spread the love

La riforma del Catasto. Una tranquilla rivoluzione per un fisco più equo: è il titolo di una pubblicazione nata con l’idea di offrire l’opportunità di una riflessione sull’evoluzione e sulle prospettive del sistema catastale in Italia. Una riflessione – spiegano gli autori, Alfiero Grandi Sottosegretario di Stato all’Economia e alle Finanze e Flavio Zanonato Delegato ANCI al Decentramento del catasto e sindaco di Padova – che parte da un rapido excursus sulle origini storiche e sulle caratteristiche strutturali del catasto nell’Italia post-unitaria, evidenzia i motivi di fondo della sua progressiva crisi e sottolinea l’obiettiva necessità di una radicale e complessiva riforma del sistema. Si ricorda che la riforma del Catasto, avviata nel 1998, ha iniziato ad essere attuata con le normative approvate in quest’ultima legislatura. Questo processo di decentramento è cominciato con la legge 15 marzo 1997, n. 59 e con il successivo D. Lgs. 112 del 1998 che disciplinava la ripartizione di funzioni tra Stato e Comuni in materia catastale. La riforma del catasto è fondata sulla collaborazione tra Stato (Agenzia del Territorio) e Comuni e in particolare sul decentramento dei poteri nel territorio. L’obiettivo è realizzare maggiore equità, efficienza e più vicinanza ai cittadini e ai professionisti del

settore. “Determinante per l’accelerazione dell’attuazione della riforma è stato il protocollo di intesa tra Governo e ANCI sottoscritto il 28 settembre 2006. I Comuni – aggiungono gli autori – sono così divenuti soggetti attivi del decentramento. La Finanziaria 2007 e poi i successivi Dpcm, sono i capisaldi normativi. Il Dpcm del 14 giugno 2007 prevede le modalità di trasferimento graduale delle funzioni catastali ai Comuni o a gruppi di piccoli Comuni. L’ultimo Dpcm assegna le risorse umane e finanziarie ai Comuni. Quanto si è realizzato nel corso di questi ultimi anni, vede finalmente realizzarsi il processo che prefigura un sistema catastale nazionale unico con due soggetti istituzionali alleati e collaboranti nella gestione: lo Stato e i Comuni. Nella pubblicazione – concludono Grandi e Zanonato – viene descritto il lungo percorso che ha portato al raggiungimento di questo obiettivo, e si mette a disposizione la documentazione dei passaggi fondamentali, fino al testo dell’ultimo Dpcm attuativo

www.anci.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>