Tecnocasa verde non solo nel marchio.La responsabilità ambientale del Gruppo Tecnocasa

di Blogger Commenta

tecnocasaIl Gruppo Tecnocasa, attraverso La Ducale Spa, società di sviluppo immobiliare del Gruppo, è investito di una responsabilità legata anche all’ ambiente. La Ducale S.p.A., nell’ ottica di “costruire valore”, ha sviluppato progetti che avessero come punto di riferimento la qualità ambientale del vivere e del lavorare.

La Ducale S.p.A si è da sempre mossa in questa direzione sia nella realizzazione di capannoni industriali che soprattutto per la costruzione di case nuove. Dove l’ idea di nuovo assume una connotazione non solo temporale ma soprattutto concettuale, progettuale ed impiantistica.

In Ducale lo sviluppo di un’ operazione immobiliare parte dalla considerazione che il cuore di un progetto non è la casa in sé ma chi la vive con le sue necessità: il cliente. Questi principi, all’ interno de La Ducale SPA, si traducono nel pensare ad una casa a basso consumo energetico, ecosostenibile ed ecocompatibile e progettarla in quest’ ottica sin dall’ inizio avendo ben presente che il comfort abitativo e i bassi costi di gestione dell’ immobile rappresentano un valore che prescinde da una soluzione impiantistica prevista dalla normativa.

Nel loro lavoro, i progettisti de La Ducale, hanno l’ obiettivo di individuare le soluzioni tecniche innovative migliori e consolidate orientate alla realizzazione di un prodotto di valore.

Per ottenere questi risultati è necessario lavorare sulla struttura in modo da garantire il massimo isolamento termico ed ridurre gli sprechi di energia, evitando le dispersioni di calore d’ inverno e di fresco d’ estate; è necessario utilizzare soluzioni impiantistiche all’ avanguardia come il riscaldamento a pavimento, la caldaia a condensazione, le fonti rinnovabili quali geotermia, i pannelli solari e gli impianti fotovoltaici; ma non solo.

In Ducale si ritiene che l’ elevata qualità ambientale sia un obiettivo che parta da prima. Dalla scelta dell’ area in prossimità dei servizi e dei collegamenti viabilistici che consente di ridurre i costi di trasferimento per il cliente e dallo sviluppo di un progetto in cui il posizionamento degli edifici all’ interno dell’ area risulti efficace dal punto di vista architettonico ed efficiente dal punto di vista dello sfruttamento energetico dell’ energia solare.

La Ducale, precorrendo i tempi, sta concludendo la realizzazione di numerosi alloggi già certificati in categoria energetica B relativi a cantieri iniziati prima ancora dell’ entrata in vigore del decreto legislativo n. 311 / 06 relativo appunto all’ efficienza energetica degli edifici.

Una bella casa, da sempre, risulta l’ investimento più sicuro e redditizio soprattutto in un paese come l’ Italia dove i valori del patrimonio e della famiglia sono molto forti; figuriamoci poi se costa anche poco mantenerla. L’ attenzione per l’ ambiente e le politiche che mirano alla ecologia e al contenimento energetico stanno spingendo l’ Europa all’ emanazione di leggi e norme più severe tendenti a far sì che dal 2018 le nuove costruzioni saranno tutte a emissione zero.

Tutto questo porterà a una differenziazione dei prodotti e di conseguenza anche a dei prezzi. È diffusa la convinzione tra gli operatori che entro qualche anno gli immobili ecosostenibili acquisteranno una grande rilevanza e che la loro valorizzazione sarà sensibilmente maggiore rispetto a quelli appartenenti a categorie energetiche inferiori.

È sempre, quindi, più evidente che puntare sulla sostenibilità e sulla green economy sarà il modo migliore per rispondere ad un mercato che si presenta sempre più selettivo. L’ importanza che La Ducale S.p.A. attribuisce a tutte queste tematiche, unita ad un’ attenta gestione durante la  fase di costruzione dell’ edificio rappresentano i capi saldi della costruzione di valore per il cliente che si rivela sempre più sensibile ed preparato.

Fonte: Gruppo Tecnocasa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>