Spread the love

La casa in affitto preferita dagli stranieri

In aumento le locazioni a cittadini extracomunitari: ”Più affidabili degli italiani”. Milano la città con più richieste. Lombardia, Piemonte e Umbria le regioni più attraenti

Il mercato degli affitti tiene, nonostante la congiuntura economica e l’abbassamento del potere d’acquisto, grazie agli investimenti dei cittadini extracomunitari. Se, da un lato, alla fine del 2010 il numero di abitazioni acquistate da immigrati è diminuito del 25% (dati di Scenari Immobiliari), il numero delle locazioni accese da extracomunitari è aumentato, nel 2010, del 10%. Ma non solo: gli stranieri sono anche precisi e puntuali nel pagare le rate.

Claudio De Angelis, responsabile di Affitto Assicurato, spiega che ”non si sono verificati, nell’ultimo anno, casi di morosità imputabili a cittadini extracomunitari. Anzi, può apparire strano, ma gli italiani sono molto meno puntuali rispetto agli stranieri”.

Una recente analisi del Sunia, il sindacato degli inquilini della Cigl, ha evidenziato che in Italia oltre 600mila cittadini stranieri vivono in affitto. Quasi l’80% delle famiglie condivide l’alloggio con uno o più nuclei, mentre solo il 21,8% ha un appartamento tutto per sé. La nascita di polizze assicurative a tutela dei locatari ha portato un aumento delle richieste di affitto tanto che, secondo Professionecasa, l’85% delle abitazioni in offerta di locazione sono regolarmente affittate a extracomunitari nell’arco di 3 mesi.

”Circa il 18% delle polizze che stipuliamo sono richieste da cittadini extracomunitari – continua De Angelis -. I vantaggi sono evidenti sia per i proprietari, che possono contare su un’assicurazione ad hoc contro ogni tipo di problematica riguardante gli affitti, sia per i locatari che, anziché versare tre rate di anticipo, pagano il premio della polizza che corrisponde solamente a una mensilità. Circostanza, questa, molto gradita in un periodo non proprio brillante per la nostra economia”.

Le regioni italiane dove sono maggiori le richieste di affitto da parte di cittadini extracomunitari sono l’Umbria, il Piemonte e la Lombardia. E proprio Milano, secondo un’indagine del patronato Ital della Uil, con il 30,6% di cittadini stranieri, è la città italiana con il record di affitti a cittadini extracomunitari.

Affitto Assicurato è il nuovo prodotto nato per garantire chi stipula un contratto d’affitto. Ideato da Soldi Sicuri, società di broker specializzata in fideiussioni, Affitto Assicurato protegge i proprietari dai rischi di morosità, di controversie legali lunghe e costose, e di danneggiamenti dell’immobile: la polizza garantisce una copertura assicurativa pari al massimale di 12 mensilità e la copertura legale nel caso di controversie. Gli inquilini non dovranno più versare anticipatamente le prime tre mensilità, ma una sola, che corrisponde al premio assicurativo.

Lanciato alla fine di febbraio, Affitto Assicurato ha avuto immediatamente un ottimo riscontro tra le agenzie immobiliari e la società Soldi Sicuri ha studiato anche un progetto di sviluppo franchising che tocchi tutte le province italiane. Il franchising Affitto Assicurato consiste nella cessione e nell’utilizzo del marchio che identifica i prodotti e i servizi forniti. Per diventare consulente affiliato non è richiesta l’apertura di nessun punto vendita, ma sono sufficienti un computer e una connessione internet.

L’affiliato dovrà convenzionare le agenzie immobiliari presenti nella propria provincia di esclusiva e monitorare la distribuzione dei prodotti fatta dalle singole agenzie immobiliari. L’investimento iniziale è di 2.500 euro che comprendono la fee d’ingresso, i kit di convenzionamento di 100 agenzie immobiliari, la mailing postale per ulteriori 500 agenzie, l’utilizzo del marchio e il trasferimento del know-how del franchisor.

Con la formula “soddisfatti o rimborsati”, qualora in sei mesi l’affiliato non sia riuscito a rientrare nell’investimento iniziale, Affitto Assicurato provvederà alla restituzione totale dell’importo versato.

Maggiori informazioni:
www.affittoassicurato.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>