Federalismo, Confedilizia: per la cedolare secca sugli affitti convenienza diversa in relazione al tipo di contratto

di Blogger Commenta

Federalismo, Confedilizia: per la cedolare secca sugli affitti convenienza diversa in relazione al tipo di contratto

Contratti liberi convenienti sopra i 15.000 euro di reddito
Contratti agevolati convenienti sopra i 28.000 euro di reddito

La Confedilizia – in relazione al nuovo testo dello schema di decreto legislativo in materia di federalismo municipale – fa rilevare che l’ultima versione della cedolare secca sugli affitti (regime – si ricorda – opzionale) ha un diverso livello di convenienza a seconda del tipo di contratto di locazione che si applichi.

In caso di contratti liberi, infatti, per i quali l’aliquota della cedolare viene prevista al 21%, la scelta della cedolare secca si rivela conveniente a partire dai redditi superiori a 15.000 euro annui.

In caso di contratti agevolati (i cosiddetti contratti ”concordati”), invece, per i quali l’aliquota della cedolare viene prevista al 19%, l’opzione per la cedolare secca inizia a essere conveniente per i proprietari con reddito superiore a 28.000 euro annui.

La Confedilizia segnala inoltre che il nuovo testo (terza versione) del decreto prevede che la cedolare secca assorba sin dal 2011 l’imposta di registro sia per i contratti agevolati sia per gli altri contratti. Nel primo testo, l’assorbimento per gli altri contratti era differito al 2014, nel secondo testo al 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>