Tinteggiare casa, organizzazione e materiali

di Redazione Commenta

 Aloni, scarabocchi, schizzi…le pareti delle case sono sottoposte a stress continuo e talvolta diviene necessario ri-tinteggiarle. Oppure, capita semplicemente che si abbia voglia di cambiare e di valorizzare gli ambienti in cui si trascorre la maggior parte del tempo. Tinteggiare le pareti richiede impegno e dedizione, ma è una missione tutt’altro che impossibile. Per prima cosa occorre predisporre la stanza, adottando alcune semplici precauzioni per preservare il mobilio, il pavimento e le porte: basterà coprire il tutto con teli di plastica o vecchie lenzuola. Battiscopa, interruttori e finestre possono protetti con lo scotch di carta, molto più delicato e semplice da rimuovere.

Prese le dovute precauzioni, il primo passo è quello di preparare il muro a ricevere la tinteggiatura: occorre, quindi, raschiare gli strati più superficiali con una spatola o con della carta vetrata.Per la scelta della vernice, è bene affidarsi al parere di un esperto che chiarisca quale pittura preferire e come utilizzarla. A seconda della destinazione d’uso, infatti, potrebbe essere consigliabile acquistare una tipologia piuttosto che un’altra. In bagno e in cucina, ad esempio, sarebbe preferibile applicare una vernice traspirante; nei corridoi e nelle camere meglio optare per una lavabile; mentre le stanze umide andrebbero trattate prima con un protettivo e poi dipinte con una pittura antimuffa.
Indubbiamente, la parte più divertente è rappresentata dalla scelta dei colori e delle finiture: satinato, sabbiato, extra gloss…sono decine i finish a disposizione, utili per conferire un look personalizzato e originale alle stanza.

Per ciò che concerne i colori è bene tenere a mente poche e semplici regole: una tonalità può aumentare o diminuire la luminosità di una stanza, specie in presenza di soffitti bassi; per far sembrare l’ambiente più arioso, per il soffitto è bene puntare per una gradazione leggermente più chiara rispetto a quella usata per le pareti; i colori troppo accesi sono sconsigliati per le camere da letto, dove andrebbero preferite tonalità fredde e pastello, in grado di favorire il relax; i colori caldi sono, invece, più indicati per la cucina e il soggiorno, poiché stimolanti e vivaci. Divertente e decorativo è l’uso degli stencil, utili a riprodurre fedelmente un’immagine semplicemente passandoci sopra la vernice. Molto in voga, anche la tecnica della spugnatura che consiste nel creare un effetto a macchie immergendo una parte della spugna nel colore e premendola delicatamente sulla parete.

Qualora si volesse completare l’opera ridando vita anche agli altri elementi della stanza, si potrebbe optare per l’acquisto di prodotti appositi come lo smalto per i termosifoni, gli antichizzanti per i metalli o il lucido per i mobili. Per la casa, lo spazio più importante della tua vita, affidati ai migliori prodotti presenti sul mercato, come quelli di MaxMeyer, azienda lucchese, sul mercato dal 1985.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>