Nuovi obblighi di schermatura dal sole delle finestre. Le eccezioni

di Blogger Commenta

Sia nel caso di nuove costruzioni che nel caso di ristrutturazione parziali, il nuovo decreto crea un’ importante eccezione all’ obbligo di sistemi schermanti o pellicole: i vetri a basso valore solare fanno eccezione. Il progettista, qualora valuti la mancanza di convenienza “in termini tecnico – economici”, e qualora le superfici vetrate abbiano “un fattore solare minore o uguale a 0,5”, può giustificare nella propria relazione tecnica l’ omissione dei sistemi schermanti esterni.

I motivi tecnico – economici
Non sono certo difficoltà pratiche di installazione: i sistemi schermanti potrebbero essere anche disposti sul Colosseo e le pellicole sulle vetrate del Duomo di Milano. Il probabile significato è che il progettista deve fare un calcolo costi – benefici, che riguarderà anche il periodo in cui è possibile ammortizzare l’ investimento, per poi ottenere un risparmio economico.

Motivi estetici o paesaggistici
Non sono espressamente citati. Comunque non si può certo rovinare la facciata di un bel palazzo storico o attentare al decoro architettonico di quella di un condominio, anche se si tratta di un palazzone anonimo, con soluzioni discordanti tra appartamento e appartamento (pellicole al secondo piano e tende al terzo).

Fattore solare minore o uguale a 0,5
Quanto al fattore solare pari o minore a 0,5, si intende semplicemente che va ridotto per lo meno a metà l’ apporto calorico dell’ energia solare. “In una nuova costruzione – spiega Mario Boschi, di Assovetro – il progettista, che per le norme già deve adottare doppi o tripli vetri con funzioni di coibentazione e barriera al rumore, in molti casi sceglierà di aggiungere a queste funzioni del vetro anche quella del basso fattore solare”.

Questo comporta, ovviamente, un rialzo dei costi del vetro (variabile anche a seconda della disponibilità del prodotto in zona), con il vantaggio però di poter evitare le schermature esterne. In una ristrutturazione, invece, la scelta del doppio o triplo vetro, anziché di schermi e pellicole, ha pregi e difetti. Da una parte è una spesa più elevata (in genere si sostituisce tutto l’ infisso). Dall’ altra si ha il vantaggio dei notevoli risparmi portati dalla coibentazione invernale o dell’ abbattimento dell’ inquinamento acustico, tutte performance che è possibile aggiungere a un vetro con specifici trattamenti.

Vetri a basso fattore solare, sistemi schermanti e pellicole
Tre scelte con vantaggi e svantaggi

I vetri possono essere multifunzionali (contenimento termico e del rumore, funzione anti – effrazione, eccetera), ma in genere prevedono la sostituzione dell’ infisso e alti costi di investimento iniziale, destinati però a ripagarsi.

Le schermature
Hanno il difetto di costare più delle pellicole e di non permettere parzialmente la vista quando sono dispiegate.

Le pellicole
Non funzionano a finestre aperte, durano meno e limitano l’ apporto luminoso d’ inverno. Il lato estetico è comunque preservato in caso di doppi e tripli vetri, mentre nel confronto tra gli altri due sistemi uno può prevalere sull’ altro a seconda del tipo di immobile e del contesto architettonico in cui è inserito.

Per saperne di più

Fattore solare g.
È il apporto tra l’ energia termica globalmente trasmessa da una lastra di vetro e quella incidente su di essa

Schermature solari
Sono sistemi che, applicati all’ esterno o all’ interno di una superficie vetrata trasparente permettono una modulazione variabile e controllata dei parametri energetici e ottico luminosi in risposta alle sollecitazioni solari.

Sistemi filtranti
Sono pellicole polimeriche autoadesive applicabili internamente o esternamente sul vetro, in grado di modificare uno o più delle seguenti caratteristiche della superficie vetrata: trasmissione dell’ energia solare, trasmissione ultravioletti, trasmissione infrarossi, trasmissione luce visibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>