Come conservare la frutta: in frigorifero o a temperatura ambiente

di Redazione 3

 La frutta è un alimento prezioso, che tutti dovrebbero consumare quotidianamente. In un mondo ideale tutti dovremmo avere a disposizione un piccolo frutteto, dove cogliere ogni giorno solo i frutti che consumeremo nelle ore successive, già ben maturi, dolci e di stagione. Purtroppo questo non è possibile per gran parte delle persone, che si trovano quindi costrette ad acquistarli periodicamente. Per fare in modo che tutta la frutta che compriamo rimanga integra fino al suo consumo, è importante ricordare che non tutti i prodotti si possono preservare a temperatura ambiente: alcuni devono infatti essere conservati in frigorifero.

La frutta matura
La frutta non è tutta uguale e ogni singolo frutto ha un comportamento diverso una volta raccolto. Ci sono frutti, ad esempio i limoni, che devono essere raccolti a maturazione, in quanto dopo la raccolta la dolcezza della polpa non cambierà più. Altri, come le mele e le banane, per maturare al meglio devono essere conservati a una particolare temperatura. Quando li compriamo, però, sono in genere già giunti a maturazione perfetta, per questo andrebbero consumati con una certa rapidità, conservandoli fuori dal frigo. È bene ricordare che questi frutti emettono etilene, una sostanza in grado di stimolare la maturazione dei frutti vicini: se abbiamo quindi della frutta già molto matura, evitiamo di posizionarla vicino a mele e banane. Viceversa, se abbiamo dei prodotti acerbi, approfittiamone per aiutarli nella maturazione. Tra i frutti più diffusi ne troviamo alcuni che tendono a maturare molto rapidamente; per evitare che questo avvenga, conviene conservarli in frigorifero. Stiamo parlando di pesche, albicocche, frutti di bosco, meloni, angurie, pere e fichi.

La frutta non matura
Capita a tutti di acquistare della frutta non ancora completamente matura. Se siamo in estate conviene quasi sempre metterla in frigo, per fare in modo che la maturazione avvenga lentamente. Si tratta, in genere, di pesche, albicocche e meloni. Se invece ci troviamo in inverno, quindi abbiamo comprato kiwi, mele, pere, arance e frutta esotica, è opportuno evitare di mettere i frutti in frigo: il clima in casa è sufficientemente fresco da consentirci di conservare senza problemi tutto il nostro bottino di vitamine e sali minerali. La frutta non matura conservata in frigorifero, può essere tolta qualche giorno prima di mangiarla, in modo che abbia il tempo di maturare al punto giusto.

La frutta fuori dal frigo
Il concetto di frutta è molto ampio: di fianco alle classiche mele e banane, nei negozi specializzati troviamo frutta di ogni colore, forma e consistenza. Quando la conserviamo fuori dal frigo possiamo anche utilizzarla come decorazione, per creare dei sontuosi centrotavola. C’è chi utilizza anche della frutta finta, in materiale plastico, che ha il vantaggio di non rovinarsi mai. Certo è che non c’è nulla di più bello di una pesca succosa o di un ananas profumato. Per esporre queste bellezze in casa il modo migliore consiste nel posizionarle all’interno di un bel centrotavola Alessi. L’azienda propone diversi portafrutta moderni e tradizionali, perfetti per ogni stile di arredamento. Stiamo parlando di oggetti senza tempo, creati da mani sapienti, in grado di sopportare il passare del tempo senza alcun tipo di problema. Si pensi ad esempio al centrotavola Floating Earth, delle isole in acciaio su un tronco in materiale plastico, particolarmente decorativo. Alessi propone da sempre diversi cestini, fruttiere e altri oggetti in acciaio inossidabile, il cui stile è facilmente riconoscibile da chiunque. Un esempio è il centrotavola Mediterraneo perfetto per contenere qualsiasi tipo di frutta con le sue ramificazioni che ricordano i coralli del nostro mare.

Commenti (3)

  1. Adoro quelle bianche con le ciglia dormienti e acconciatura estrosa. Sono maliziose. Idee? Io mi divertirò con un centrotavola a tema. Ho in mente un vaso basso di cristallo con dentro ovetti di cioccolata e sopra una base dove poggiare una composizione di tulipani rosa. Come segnaposto, uova di cioccolato bianche, infiocchettate di nastro rosa.

  2. scusa ho trovato il link della ricetta graziehttp://writemyesaybest.com

  3. Adoro quelle bianche con le ciglia dormienti e acconciatura estrosa. Sono maliziose. Idee? Io mi divertirò con un centrotavola a tema. Ho in mente un vaso basso di cristallo con dentro ovetti di cioccolata e sopra una base dove poggiare una composizione di tulipani rosa. Come segnaposto, uova di cioccolato bianche, infiocchettate di nastro rosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>