Ristrutturare casa grazie alle detrazioni fiscali 2014

di Sara Aiello Commenta

Ristrutturare casa? É possibile grazie alle detrazioni fiscali 2014 approvate dallo stato. Per tutto il 2014 sarà infatti possibile usufruire di agevolazioni fiscali per lavori di ristrutturazione che riguardano l’edilizia, riqualificazioni energetiche e l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici.

E’ possibile usufruire infatti della detrazione d’imposta Irpef  pari al 36% e, per le spese effettuate dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014 una detrazione Irpef pari al 50%, passando per il 40% per il periodo 1° Gennaio 2015- dicembre 2015.

Per i lavori di ristrutturazione resta invariato il massimale di 96mila euro fissato per il 2013. Ciò significa che, anche per tutto l’anno 2014, si potranno effettuare lavori di ristrutturazione per un valore massimo di 96mila euro e che lo Stato rimborserà il 50% delle spese effettuate per i prossimi 10 anni. Per tutti i lavori del 2015, il rimborso (o detrazione)  sarà invece del 40%.

La detrazione spetta anche a immobili ristrutturati da imprese di costruzione o cooperative.

Ricordate che, per poter essere rimborsati, occorre dimostrare le spese effetuate, quindi è buona norma conservare fatture e ricevute fiscali dei lavori avvenuti; provvedere ai pagamenti attraverso bonifico bancario e inviare, prima dell’inizio dei lavori, la richiesta all’agenzia delle entrate.

Come essere rimborsati?

Nella prossima dichiarazione dei redditi, quella del prossimo giugno, bisognerà riportare nel modello 730 tutte le spese effettuate per i lavori di ristrutturazione.  La detrazione fiscale verrà distribuita in 10 annualità.

Nella sezione IIIA del modello si dovranno riportare tutti i davi relativi allo sgravio da ottenere. Indicare l’anno in cui sono state effettuate le spese e compilare i campi “situazioni particolari” solo se vi sono spese di interventi precedenti e ancora in corso di realizzazione nell’anno di spesa indicato nella prima casella. Sono tenuti a compilare la voce “situazioni particolari” anche i contribuenti di età superiore ai 75-80 anni e chi ha acquistato o ha ereditato l’immobile nel 2013. Bisognerà poi indicare l’anno in cui si è effettuata la rideterminazione delle rate, il numero di rate  in cui la detrazione è stata ripartita e quale numero di rata si utilizza nel 2013. Completare poi con l’importo spesa e il Numero d’Ordine Immobile in cui inserire il numero progressivo col quale si indica l’edificio ristrutturato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>